Dicono di me: “Crazy for read”

Eccovi l’intervista che ho concesso molto volentieri a Federica e Francesca, che gestiscono il blog Crazy for read.


Crazy for read 2

Ciao Giuseppe, benvenuto nel nostro piccolo blog e grazie di esserti prestato a parlarci di te e del tuo romanzo d’esordio!

1. Partirei subito con una domanda a strappo! Vuoi presentarti ai nostri lettori? Chi è realmente Giuseppe, parlaci un po’ di te!
Sono uno studente universitario di 23 anni. Sono molto legato ai miei familiari, e la scrittura è uno dei miei tanti interessi, con lo sport, il cinema, la musica e la tecnologia, di cui parlo sul mio blog. Conciliarli tutti con lo studio non è facile, ma ho imparato a gestire il tempo che ho a disposizione, tentando di ricavarne il massimo.

2. “Chelsea & James” è il tuo romanzo d’esordio. Da dove nasce la voglia di scrivere questo racconto?
Volevo analizzare i criteri con cui le persone distinguono il bene dal male, ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. La particolarità è che ho dovuto acquisire un’idea compiuta, prima di parlarne, ma il mio romanzo non contiene verità assolute o risposte definitive. Mi sono limitato a lasciare al lettore gli strumenti che ritengo siano utili a maturare la propria idea.

3. C’è qualche libro o autore che ha influenzato la tua vita?
“Uno studio in rosso” di Sir Arthur Conan Doyle, il romanzo con cui è nato Sherlock Holmes. Nell’epitaffio presente sulla sua tomba, si ricorda che l’autore è stato “medico” e “uomo di lettere”. Quel suo romanzo, come gli altri che ha vergato, è il risultato del complesso prodotto tra scienza e letteratura, e mi auguro che questa caratteristica sia pur minimamente presente in ciò che scrivo.

4. Descrivi brevemente “Chelsea & James”, cosa troveranno al suo interno i lettori?
“Chelsea & James” è un romanzo che rientra in diversi generi: thriller, azione e avventura, ma non solo, quindi i miei lettori troveranno diversi spunti di riflessione. È una storia lineare e semplice da seguire, ma estremamente profonda. Il motivo per cui amerete i miei protagonisti è lo stesso per cui potreste condannarli.

5. Consiglieresti il tuo libro a qualcuno in particolare o credi sia adatto a tutti?
È adatto a tutti, anche se qualche lettore mi ha fatto notare che non lo consiglierebbe ai minori di 16 anni. Rispetto il giudizio, ma non sono particolarmente d’accordo. Non voglio sottovalutare gli adolescenti, che, se lo interpretano nel modo giusto, potrebbero anche trovarlo un interessante approccio alla lettura.

6. Nell’autunno del 2015 è prevista la pubblicazione del tuo secondo romanzo. Possiamo avere una piccola anteprima?
Quasi tutti i lettori di “Chelsea & James” mi hanno chiesto informazioni sul mio prossimo romanzo, o mi hanno detto che lo aspettano con interesse. Senza anticipare troppo, posso dire che si tratta di una storia su cui ho investito molto, di lunghezza maggiore, e che costituirà il primo episodio di una serie, ugualmente non rientrante in un singolo genere.

7. Hai qualche consiglio da dare a giovani scrittori come te?
Vorrei avere l’esperienza necessaria, ma anch’io ho appena cominciato. Posso solo sconsigliare la pubblicazione a pagamento, visto l’ostracismo più o meno giustificatamente riservato a chi ricorre a questa soluzione. Ed è fondamentale riuscire ad ignorare completamente le critiche gratuite, immancabili a qualsiasi livello.


Rilasciare questa intervista è stato un piacere. Ringrazio Federica e Francesca per avermi concesso la possibilità di farlo. Se volete, potrete seguire il loro blog a questo link.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...